NewsPolitica

Delia: Dignità dei lavoratori, atto d’indirizzo per stabilizzazione nei cantieri di servizio 

Delia: Un atto di indirizzo per la dignità dei lavoratori. La giunta municipale propone al consiglio comunale misure urgenti per affrontare la stabilizzazione e le criticità dei lavoratori dei cantieri di servizio.

L’Atto, basato su una profonda analisi normativa e operativa, evidenzia innanzitutto l’importanza dei cantieri di servizio nell’integrare e supportare le attività comunali, specialmente nelle situazioni straordinarie o non previste.

<<È fondamentale – ha aggiunto il sindaco Gianfilippo Bancheri  – agire con urgenza per garantire condizioni lavorative dignitose ai lavoratori dei cantieri di servizio – e  riconoscere il valore del loro contributo per la collettività. Ci appelliamo pertanto alle istituzioni competenti affinché adottino le misure necessarie per risolvere le criticità attuali e assicurare un futuro più stabile e sicuro per questi lavoratori>>.

Sono quattro i punti chiave della delibera proposta. L’avvio di un percorso per la stabilizzazione del personale impiegato nei cantieri di servizio, garantendo forme contrattuali che assicurino dignità e diritti. Il riconoscimento dei contributi figurativi con effetto retroattivo. L’ aumento dell’indennità in base alle ore effettivamente svolte, in attesa della stabilizzazione. E inoltre l’assegnazione di finanziamenti extra per avviare percorsi formativi e la fornitura di dispositivi di protezione individuale ai lavoratori (Dpi).

<<I cantieri di servizio – ha detto da parte sua il vice sindaco Paolo Giordano  – coinvolgono una vasta platea di lavoratori che svolgono mansioni indispensabili per la comunità e rappresentano allo stesso tempo un pilastro essenziale per il funzionamento dei servizi comunali>>.

L’atto di indirizzo sarà ora sottoposto all’approvazione del consiglio comunale e successivamente inoltrato alle autorità regionali e parlamentari competenti, per promuovere azioni concrete a sostegno dei lavoratori dei cantieri di servizio.

Articoli Simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto