NewsRiceviamo e pubblichiamo

Reliquia del Beato Livatino a Canicattì, Salvatore Fazio rammaricato: Poca gente presente

Salvatore Fazio, tra gli organizzatori dell’arrivo a Canicattì della reliquia del beato Rosario Livatino, con amarezza sottolinea che la città non ha risposto all’iniziativa, pochi cittadini presenti, inoltre sono state invitate diverse scuole e comunità parrocchiali e non tutte hanno aderito. La reliquia è arrivata il 6 dicembre nella chiesa Madre. Ad accogliere la camicia insanguinata del Beato, l’Arcivescovo di Agrigento Monsignor Alessandro Damiano, il sindaco Vincenzo Corbo e le massime autorità cittadine. 

L’arcivescovo ha celebrato una Santa Messa insieme all’Arciprete di Canicattì Don Nazzareno Ciotta e ai sacerdoti cittadini. La reliquia è arrivata in occasione dell’anniversario del battesimo di Rosario Livatino avvenuto il 7 dicembre. In questa giornata è stata portata al comune, al commissariato di polizia, nella caserma dei carabinieri e alla tenenza della Guardia di Finanza. A conclusione del pellegrinaggio si è tenuta una veglia cittadina con scarsa presenza. La visita del Beato si è conclusa l’8 dicembre, alle 20 in Chiesa Madre dopo l’arrivo del Simulacro dell’Immacolata. 

Salvatore Fazio dichiara: “ Sono stati tre giorni di grande commozione, soprattutto per chi lo ha conosciuto personalmente ma sono dispiaciuto che pochi hanno partecipato. Livatino è stato un grande uomo di legge e un grande cristiano, non a caso nella teca che custodisce la reliquia è inciso codice penale e Vangelo, i cardini della sua breve vita terrena. Sono rammaricato che la “Sua” Città natale non abbia risposto come il Beato meritava”

Articoli Simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto