CronacaNews

Scommesse online: Revocata sorveglianza speciale e confisca beni a imprenditore agrigentino

La Corte di appello di Palermo, accogliendo l’appello presentato dagli avvocati Valentina Castellucci e Daniela Posante, ha revocato la misura della sorveglianza speciale di pubblica sicurezza nonché la confisca da 500.000 euro già disposta  nei confronti dell’imprenditore agrigentino Davide Schembri per contestazioni correlate all’esercizio abusivo di gioco e scommesse e truffa aggravata. L’imprenditore agrigentino rimase coinvolto nell’inchiesta catanese  denominata “Apate” e nel procedimento “Game over”  di Palermo.

La Corte di appello di Palermo, condividendo le doglianze difensive, ha escluso che Schembri possa considerarsi un soggetto “pericoloso” valutando come l’imprenditore sia stato assolto con sentenza irrevocabile nel procedimento “Game Over” ed evidenziando poi che l’espresso giudizio di pericolosità fosse da considerare “paradossale” quanto all’inchiesta “Apate” non risultando che lo Schembri sia stata mai indagato nell’inchiesta catanese.

Articoli Simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto