NewsRiceviamo e pubblichiamo

Criticità della sanità agrigentina, l’Opi in Prefettura 

L’Opi in Prefettura: necessaria l’istituzione di un tavolo tecnico per individuare le soluzioni ai problemi che attanagliano la sanità agrigentina

Salvatore Occhipinti: “Cerchiamo soluzioni, non polemiche nei confronti della Direzione strategica dell’Asp”

L’Ordine delle professioni infermieristiche (Opi) in Prefettura per affrontare i problemi che attanagliano la sanità agrigentina.

“Nessun tono polemico nei confronti della Direzione strategica dell’Asp” precisa Salvatore Occhipinti, presidente di Opi Agrigento, che insieme a Salvatore Lentini e Salvatore Montaperto, rispettivamente revisore dei conti e vicepresidente Opi, stamattina è stato ricevuto dal capo di gabinetto della Prefettura, Elisa Vaccaro.

“Riteniamo – prosegue Salvatore Occhipinti – che la soluzione alla mancanza di camici bianchi sia sicuramente difficile e complessa ma ci sono altri argomenti da trattare. In tal senso, abbiamo chiesto l’istituzione di un tavolo tecnico, con il prefetto Romano a fare da garante, che riunisca anche i rappresentanti dell’Azienda sanitaria provinciale, dell’Ordine dei medici chirurghi e odontoiatri di Agrigento e i componenti delle aree Sanità delle organizzazioni sindacali così da esaminare ogni problematica e individuarne le più opportune soluzioni. Crediamo che il confronto con l’Asp possa essere assolutamente propositivo in termini di soluzioni. È chiaro come l’obiettivo di questa nostra iniziativa sia volto esclusivamente a garantire la sanità all’utenza della quale, ribadisco, facciamo parte anche noi”.    

Nel corso dell’incontro, sono stati trattati alcuni temi caldi della sanità locale tra i quali il sovraffollamento dei Pronto soccorso, la mancanza di filtri da parte della Medicina del territorio compresi gli Ospedali della comunità e le Case della comunità. Ma si è parlato anche di soluzioni quali, ad esempio, la realizzazione di un’area a gestione infermieristica utile sia ai medici che vi troverebbero i propri pazienti, sia allo snellimento delle aree di emergenza.

“Ovviamente, si rende necessario il confronto con l’Asp per evitare di disperdere energie perseguendo un progetto senza presupposti. Siamo convinti – conclude il presidente Occhipinti – che, soprattutto in queste circostanze di emergenza, il raffronto senza alcuna polemica tra le diverse istituzioni, sia utile all’individuazione di soluzioni per il bene della collettività”.

Articoli Simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controlla anche
Chiudi
Torna in alto